IQ Option CFD: trading sui contratti per differenza

I CFD (contratti per differenza) sono uno degli strumenti che negli ultimi anni ha assunto il maggior rilievo tra i trader italiani (e non solo). Ma di cosa si tratta? E perché il trading con i contratti per differenza potrebbe essere realmente quel che fa per te? Cerchiamo di scoprirlo per gradi, in questa nostra guida al trading sui contratti per differenza!

Che cosa sono i CFD

contratti per differenza guida completaI CFD (contratti per differenza) sono strumenti derivati nei quali l’acquirente – a fronte del pagamento di un tasso di interesse – riceve il rendimento di un’attività finanziaria (asset) sottostante, mentre il venditore del contratto, a fronte dell’incasso degli interessi, si impegna a pagare il rendimento della stessa attività finanziaria sottostante. Insomma, le due parti andranno ad accordarsi per scambiarsi solamente il flusso finanziario derivante dal differenziale tra i prezzi dell’asset al momento dell’apertura e della chiusura del contratto, senza che vi sia un passaggio dell’asset sottostante. Tutto chiaro?

Forse no. Tuttavia, utilizzando altri termini, ti possiamo ricordare come mediante i CFD riuscirai a operare non direttamente sugli asset, bensì solamente sulle differenze di prezzo degli stessi contratti, ottenendo un profitto o una perdita sulla base del gap tra il prezzo di acquisto e di vendita dell’asset sottostante, moltiplicato – naturalmente – per il numero di CFD scambiati.

Tante opportunità, in ogni senso!

Con tali caratteristiche, risulta altresì chiaro come i contratti per differenza possano aprirti interessanti scenari di guadagno sia in caso di incremento delle quotazioni dell’asset sottostante, sia in caso di decremento delle stesse.

Così come avviene per le opzioni binarie, pertanto, potrai scegliere di puntare sull’aumento o sul calo del prezzo dell’attività (ad esempio, una coppia valutaria) con identica facilità: sarà sufficiente acquistare il CFD (andando “long”) oppure venderlo allo scoperto (andando “short”).

Scopri di più >>> Visita il sito ufficiale IQ Option

Come si negoziano i CFD

La negoziazione di un CFD avviene in maniera molto semplice, e utilizzando un comune conto demo di trading ti renderai subito conto di quanto sia facile cercare di acquistare o venderne uno.

A rendere ancora più facile l’investimento in CFD vi è peraltro il fatto che il loro prezzo è praticamente identico a quello degli asset sottostanti. Eppure, non dovrai certamente pagare tale prezzo per poterti aggiudicare il CFD. Ma come mai?

Il margine del CFD

Per poter aprire un’operazione in CFD non è necessario pagare l’intero valore dell’asset sottostante, ma solamente un margine che, di solito, oscilla tra il 10% e il 20% del valore dell’operazione (dipende dalla natura dello strumento utilizzato e dalla sua volatilità). In questo modo, impegnando una piccola quota del proprio capitale, sarà possibile acquistare un elevato volume di contratti per differenza. Peraltro, tieni conto anche che non otterrai certamente il possesso dell’asset sottostante, ma solamente una posizione “fittizia”, che replica l’andamento dello stesso asset.

Ti sembra tutto troppo complicato? Cerca di non crucciarti troppo! In realtà i CFD sono negoziabili nel tuo broker preferito attraverso una semplice operazione di negoziazione, della quale prenderai rapida confidenza attraverso qualche transazione sul conto dimostrativo.

Un esempio di operazione con CFD

I concetti di cui sopra potrebbero risultare un po’ difficili a tutte quelle persone che non hanno avuto modo di alimentare una discreta esperienza in questo settore. Tuttavia, ben presto ti renderai conto che negoziare CFD è davvero molto semplice, e anche impratichirsi con il suo sistema di marginazione non costituirà grande difficoltà dopo le prime 2-3 operazioni sul conto di trading demo.

trading online di cfd

Ad ogni modo, per poterti agevolare nell’apprendimento, facciamo un rapido esempio immaginando di voler acquistare 1.000 CFD su azione Alfa a 3 euro. Ipotizziamo che su tale operazione il broker ti applichi un margine del 15%: significa che non dovrai impegnare 3.000 euro di capitale (come dovresti fare acquistando direttamente il titolo azionario), bensì “solamente” 450 euro (ovvero, la marginazione).

Ma cosa succede se dopo 20 giorni il prezzo dell’azione diventa pari a 3,20 euro, e decidi di vendere i tuoi CFD? Molto semplice: il profitto lordo che è generato dall’operazione sarà pari alla differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto del titolo, moltiplicato per il numero di CFD. Dunque, 3,20 euro – 3,00 euro = 0,20 euro; i 20 centesimi di profitto per singolo CFD potranno essere moltiplicati per 1.000, ottenendo un profitto di 200 euro.

Per esercitarti ti consigliamo di aprire un conto demo di trading gratis e di utilizzarlo per qualche tempo: è il modo migliore per poterti impratichire alle caratteristiche dei CFD. Ti consigliamo inoltre, anche quando passarai a fare trading con soldi veri, di tenere sempre sottomano il conto demo in quanto ti consentirà di migliorare sempre le tue abilità da trader online e, pertanto, affinare tecniche e strategie profittevoli al fine di migliorare le tue performance.

IQ Option, trading mobile di Cfd, forex, etf, azioni e criptovalute: download app iOS

IQ Option è un broker in continua evoluzione e da qualche tempo permette a tutti i suoi clienti di investire anche su nuovi prodotti finanziari come i cfds. E’ disponibile sull’apple store scaricabile in modo del tutto gratuito l’applicazione per iphone e ipad, che permette a tutti coloro che hanno un conto su iq option di investire in cfds sul forex, azioni, indici e criptovalute ( bitcoin ).

Di seguito i link di collegamento alle guide specifiche e da noi redatte:

Per scaricare l’app e scoprire di più clicca il bottone quì sotto.

Scopri di più >>> Scarica l’app iOS IQ Option 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

©Tradingiqoption.com 2017 - La 1° guida esclusiva al trading online sul broker IQ Option - Unofficial site.